Un apprendimento musicale naturale – EP 11

25 Febbraio 2020 | BLOG, Guida Galattica per Insegnanti di Musica

Una puntata del podcast GUIDA GALATTICA PER GLI INSEGNANTI DI MUSICA per scoprire che l’essere umano apprende la musica secondo processi simili a quelli con cui apprende il linguaggio, e tutto il processo è perfettamente naturale!

Puoi ascoltare la puntata numero 11 qui nel mio audioblog:

[wpi_designer_button id=1377] [wpi_designer_button id=1381] [wpi_designer_button id=1518]

Oppure leggerla qui:

QUANDO L’APPRENDIMENTO MUSICALE E’ NATURALE

L’essere umano apprende la musica secondo processi simili a quelli con cui apprende il linguaggio, questo te lo ripeterò all’inverosimile fino a che sarò sicura che ti sarà entrato dentro. 

Ora, ragioniamoci insieme un attimo: 

  • un bambino resta in un silenzio denso di acculturazione per tutti i primi mesi di vita, fino a che non si sente pronto e comincia ad interagire con il mondo esterno attraverso la lallazione (la possiamo definire come FASE 1 – L’ASCOLTO)
  • Nella seconda fase, ben prima che il bambino inizi a parlare, si forma nella sua testa il pensiero, e il bambino conosce internamente un sacco di parole che ancora non si sente pronto per buttare fuori. E’ qui che si forma il PENSIERO
  • Successivamente, il bambino si lancia nell’articolazione dei primi suoni e delle prime parole, interagendo con il mondo esterno in modo via via sempre più approfondito (E’ la FASE 3 , quella in cui acquisisce la PAROLA)
  • Verso i 6 anni, dopo che il bambino ha: giocato con le parole, ripetendole e mescolandole quotidianamente; improvvisato ed inventato storie per sé e per gli altri; ascoltato nuove parole imparando ad interpretarne il significato, e inserendole nelle sue frasi per sperimentare —> solo allora gli insegniamo che quello che ha nella sua testa e che si chiama casa, in cui abita (ne ha fatta quindi anche un’esperienza empirica) si scrive e si legge così (è la FASE dell’apprendimento della LETTURA e della SCRITTURA)

Ora, pensa alla musica. Il processo è davvero molto simile: 

  • nella prima fase dell’apprendimento, il bambino ha bisogno di ascoltare musica varia e complessa, per poter sviluppare un proprio vocabolario musicale (questa è in parallelo la fase in cui li esponiamo all’ascolto di brani strumentali e vocali). E’ abbastanza inutile mettergli in mano sonaglietti e flautini, se vuoi lavorare su un suo apprendimento duraturo!
  • nella seconda fase, i suoni cominciano ad acquisire una forma e un significato: è il momento in cui entra in gioco l’Audiation, ovvero la nostra capacità di comprendere la musica.
  • la terza fase è quella delle MUSIC BUBBLES, la lallazione musicale: il bambino inizia ad imitare i suoni che ascolta dall’esterno, in modo non ancora accurato nei primi tentativi, e via via sempre più consapevole
  • solo allora possono entrare in gioco la LETTURA e la SCRITTURA MUSICALE, perché nel momento in cui insegniamo ad un bambino che il pattern DO MI SOL fa parte della tonica, si legge e si scrive così, tutto l’apprendimento avrà seguito il suo corso naturale, e sarà motivante e appagante anche per il nostro piccolo allievo. 

Quanto di tutto quello che abbiamo detto finora è presente nel tuo insegnamento?

Una cosa su cui noi insegnanti dobbiamo riflettere tanto, è la capacità di aspettare che questo processo meraviglioso che è l’apprendimento musicale sia per lo più qualcosa di interno al bambino, e un percorso molto lungo, che si sviluppa in anni, almeno tanto quanto quelli che servono per il linguaggio (e una cosa importante da tenere a mente è che età anagrafica ed età musicale non coincidono quasi mai, per cui potresti avere un bambino di 6 anni più avanti musicalmente di un allievo adulto quarantenne, e senza che questo influenzi le rispettive attitudini innate. Non dare mai per scontato che l’apprendimento di una materia sia connesso all’età anagrafica!). 

Esternamente, quindi, c’è bisogno di tempo, fiducia e amore per poter raccogliere i frutti dell’apprendimento musicale che stai seminando in questi anni con il tuo lavoro.

Ma non è tutto così naturale, in fondo?

guida galattica podcast

Mi chiamo Marta, e sono Una Maestra di Musica. 

Nella vita, coltivo piccoli semi di musicalità: in me stessa e in tutte le persone che passano da Musindò, iniziando dai bambini fin da piccolissimi perchè sono profondamente convinta che con la musica diventeranno adulti più consapevoli. Uso l’ukulele per risvegliare la musicalità innata che ognuno di noi possiede, perchè credo davvero che tutti possiamo fare musica, anche tu. Con i miei percorsi “Inspiring Teacher” aiuto gli insegnanti a trovare una didattica musicale che li rappresenti e un buon balance tra vita da insegnante e vita privata , ed ho creato una bellissima community per educatrici di tutta Italia dal nome “Musica al Nido”.

Viaggio spesso, soprattutto a Londra per Music Learning Tree, un progetto di ricerca sull’educazione musicale basato sulla MLT di Edwin Gordon.

Guida Galattica per insegnanti di Musica è il podcast  che ti manderà letteralmente tra le stelle: un viaggio nella vita da insegnante di tutti i giorni, dove troverai la mia esperienza diluita in argomenti da 5’.

Per farti compagnia mentre vai a scuola o mentre cucini la sera, per sentirti meno sola in questo universo scolastico fatto di programmazioni e riunioni, e per iniziare il viaggio galattico verso l’insegnante che vuoi davvero essere.

Il suono, viaggia attraverso il tempo e lo spazio: ecco perchè ho scelto di raccogliere in un podcast tutti questi consigli, e di metterci la mia voce, quella che spesso si consuma a furia di cantare con i bambini, per aiutarti nella vita da insegnante di tutti i giorni, e perchè tu possa tirare fuori davvero le tue qualità e diventare l’insegnante che vuoi davvero essere. Perchè in fondo, questo è il lavoro più bello del mondo, no?

Ti ringrazio per aver ascoltato questa puntata: ora, se non vuoi perderti le prossime, registrati al Podcast su Spotify!

Se invece vuoi approfondire quello che faccio, dalla didattica a tutti i miei contenuti gratuiti per insegnanti, cercami su www.unamaestradimusica.com: lì trovi tutto quello che puoi fare insieme a me. E se vuoi uno sguardo più da vicino sulla mia vita da insegnante di tutti i giorni, cerca il mio profilo instagram @unamaestradimusica, o la mia pagina FB Marta – Una Maestra di Musica. Il Viaggio Galattico continua anche lì!

Chi sono

Chi sono

Mi chiamo Marta, e sono Una Maestra di Musica.
Nella vita, coltivo piccoli semi di musicalità: in tutti i bambini e le famiglie che passano da Musindòe negli insegnanti ed educatori attraverso la formazione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *