PERCHE’ FARE MUSICA CON I BAMBINI SOTTO I SEI ANNI CAMBIERA’ IL TUO MODO DI INSEGNARE

20 Settembre 2021 | BLOG, Guida Galattica per Insegnanti di Musica, Musica al Nido

Hai mai pensato di insegnare musica ai bambini piccolissimi, dai sei anni in giù?

Spesso questo pensiero spaventa chi ha ricevuto un’educazione musicale standard, in cui è già faticoso insegnare ai bambini di sei anni, figuriamoci più piccoli: gestire la classe, mantenere la leadership e il focus sui contenuti musicali, se pensati con la visione standard dell’insegnamento, sono indubbiamente faticosi e poco efficaci. Potresti già aver avuto qualche esperienza negativa a riguardo (tipo una scuola di musica che ti ha proposto di fare lezioni di strumento individuali a un bambino di cinque anni? Ci sono passata anch’io!) che ti ha magari portato a pensare che quella fascia d’età non faceva proprio per te, o che ti servissero particolari doti magiche.

Insegnare ai bambini piccolissimi, e parlo davvero da zero anni in su, è una delle cose più gratificanti che faccio nel mio lavoro di Maestra di Musica: gli obiettivi e le modalità  di erogazione del corso puntano verso l’acquisizione di competenze, l’accuratezza e l’esposizione dei suoni, più che lo svolgimento di un programma statico.

musica 0 6 anni

 

NB: Ovviamente i 6 anni sono un’età standard direttamente dipendente dal modo in cui la società si relaziona al bambino, facendolo di default passare di grado con l’inserimento a scuola: sappiamo che ogni bambino ha i suoi tempi di reazione all’apprendimento e la musica non fa eccezione.

HAI MAI PENSATO COME CAMBIEREBBE IL TUO LAVORO DI INSEGNANTE SE IMPARASSI COME FARE MUSICA CON I BAMBINI SOTTO I SEI ANNI?

 

Introdurre le lezioni da 0 a 6 anni nel tuo ventaglio di proposte e corsi ha tantissimi vantaggi, per esempio:

 

  • ti porta a conoscere l’intero processo di apprendimento della musica, che inizia a svilupparsi fin dalla nascita dell’essere umano (di certo non parte dal nulla a sei anni con lo studio dello strumento, sarebbe come cercare di imparare a leggere e scrivere senza saper parlare…e ogni tanto non hai la sensazione che quando insegni avvenga proprio così?). Il vantaggio è che se sei consapevole di quello che avviene prima, svolgerai sicuramente meglio quello che insegni dopo, una volta passati sullo strumento.

 

  • Nelle lezioni da 0 a 6 anni, la sensazione è quella di toccare con mano la materia musicale: relazione e autenticità sono gli ingredienti principali di questi incontri, e anche da insegnante il contatto diretto con la tua musicalità è davvero gratificante.

 

  • Sviluppa la tua leadership di insegnante: le lezioni a quest’età si svolgono sempre in gruppo (le sessioni frontali e individuali con bambini di quattro, cinque anni tolgono una possibilità di apprendimento importante al bambino, che impara anche dai suoi compagni e non solo da te); inoltre, nelle lezioni da 0 a 36 mesi, avrai i genitori a lezione insieme a te, e fidati quando ti dico che sarà come gestire un nuovo gruppo parallelamente a quello dei bambini.

 

  • La sostenibilità del tuo lavoro: grazie alle lezioni con bambini da 0 a 5 anni, potrai avere gruppi di bambini, e non sarai legato al numero ristretto che richiede una lezione di strumento per essere efficace. Questo rende il tuo lavoro sostenibile anche in termini economici.

 

  • Ampliare le proposte dei tuoi corsi ti farà poi guadagnare punti agli occhi delle strutture in cui ti proponi, perché ti faranno apparire più versatile e competente.

Ti lascio tre video di approfondimento per capire meglio come funzionano le lezioni con i piccolissimi da 0 a 3 anni, da 3 a 4 anni, e dai 5 ai 6 anni.

E se vuoi scoprire un metodo intuitivo, efficace e naturale con cui fare musica con i bambini sotto i sei anni puoi dare un occhio qui.

Tu insegni già a questa fascia d’età o fai parte del team vorrei ma non mi sento portato?

 

 

Chi sono

Chi sono

Mi chiamo Marta, e sono Una Maestra di Musica.
Nella vita, coltivo piccoli semi di musicalità: in tutti i bambini e le famiglie che passano da Musindòe negli insegnanti ed educatori attraverso la formazione.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *